Consegna rapida
9,6/10
Telefono (solo inglese): +39 0111 962 06 15

COME SCEGLIERE IL TUO CASCO DA SCI O DA SNOWBOARD?

Il casco è diventato un elemento di protezione indispensabile per la pratica dello sci e dello snowboard. Il suo uso non è soltanto riservato ai bambini o ai freerider esperti; una brutta caduta non avvisa prima ed è meglio essere ben protetto qualunque sia la tua età e il tuo livello. Ma allora come fare la scelta giusta? Quali sono gli elementi da prendere in considerazione per l’acquisto di un casco da sci? Ecco qualche informazione tecnica per permetterti di comprare il miglior casco da sci.

Di cosa sono fatti i caschi da sci?


Esistono due materiali principali nella costruzione dei caschi da sci: l’ In-Mold e l’ABS. Le donne e i bambini apprezzeranno maggiormente l’In-Mold per la sua leggerezza, anche se quest’ultimo sarà meno resistente nel tempo. Al contrario, l’ABS sarà più pesante ma anche molto più solido, avrà quindi una durata di vita più lunga.

Quali opzioni scegliere per il mio casco da sci?


Se le opzioni sono sempre più numerose sui caschi da sci, alcune sono imprescindibili mentre altre avranno più che altro il ruolo di un optional. Ti raccomandiamo di scegliere un casco da sci a taglia regolabile con manopola per aggiustarlo sulla tua testa in maniera ottima. È anche molto importante avere un casco con una buona ventilazione. Se questa è regolabile, potrai far variare il flusso d’aria in base alle condizioni climatiche e alla tua attività. Per quanto riguarda la protezione, i più temerari opteranno per la mentoniera o il copri-nuca. Potrai anche trovare dei modelli che integrino automaticamente una visiera, per evitare l’acquisto di una maschera in più. Ma è piuttosto una questione di stile perché le prestazioni degli schermi proposti sono altrettanto di qualità rispetto alle sole maschere. Troviamo anche dei caschi con visiere fotocromatiche. Infine, per quelli che amano volare sulle piste con la musica, esistono dei caschi con un sistema audio integrato.

caschi da sci

Quali sono i vari sistemi di regolazione della ventilazione di un casco da sci?


Per evitare di surriscaldarsi, la maggior parte dei caschi da sci sono dotati di fori di sfiato. In effetti, queste aperture permettono all’aria di circolare e di conservare in questo modo una temperatura confortevole. Più la velocità è elevata, più il raffreddamento è importante grazie all'ingresso d’aria fresca nei fori di sfiato anteriori e grazie all'effetto venturi. Tuttavia, quando sciamo in inverno su ghiacciaio o durante le ondate di freddo, può essere interessante regolare questa aerazione, o anche chiuderla completamente. Le marche sono sempre più creative e propongono dei sistemi di ventilazione regolabili più innovativi l’uno dell’altro. Evidentemente, più la gamma è sofisticata, più il numero di fori di sfiato è importante e più il sistema è pratico e perfezionato.

casco da sci a ventilazione regolabile
Casco Atomic Automatic LF 3D: una ventilazione semplice sopra il casco gestisce le 4 aerazioni.
casco Smith Vantage ventilazione regolabile
Casco Smith Vantage: una ventilazione a doppia regolazione che permette di aggiustare il flusso d’aria anteriore e posteriore con precisione.
Anon Prime Mips casco da sci a ventilazione regolabile
Casco Anon Prime Mips: 12 fori di sfiato gestiti con una sola manopola.

Quali sono le nuove tecnologie dei caschi da sci?


Le due ultime innovazioni in materia di caschi sono il Koroyd e il sistema MIPS.

La tecnologia Koroyd:


Il Koroyd è un nuovo materiale rivoluzionario che assorbe maggiormente l’energia al momento dell’impatto, pur aumentando la circolazione dell’aria. L’integrazione del Koroyd nei caschi permette di aumentare l’ingresso dell’aria senza sacrificare la protezione e il comfort.
koroyd
La struttura Koroyd è un insieme di cavità che lascia circolare l’aria liberamente, ma che ha la capacità di schiacciarsi in caso di colpo violento, come gli ammortizzatori. L’altro vantaggio di questa tecnologia è soprattutto il suo peso minore che permette di ottenere alla fine un casco leggero e resistente.
Koroyd tech
Esempio di struttura Koroyd dopo l’impatto.

La tecnologia MIPS:


La tecnologia MIPS (Multidirectional Impact Protection System) permette di ridurre la forza dell’impatto sul cervello in caso di colpo obliquo. Il casco assorbirà e dissiperà la scossa in modo più efficace, permettendo così una leggera rotazione dello scafo esterno pur mantenendo il cranio sul liner interno.

Quali sono le norme dei caschi da sci?


Prima di ogni cosa, il tuo casco deve essere conforme alle norme europee in vigore (CE-EN 1077). Se pratichi lo sci in gara, l’uso del casco è non solo obbligatorio, ma dovrà anche essere omologato FIS e possedere la certificazione ASTM 2040.

Come scegliere la taglia del casco da sci?


Una volta che avrai scelto il modello che ti conviene, è importante ordinare la giusta taglia per il tuo casco da sci o da snowboard. Un casco troppo grande o troppo piccolo non ti proteggerà in modo efficace. Come conoscere la taglia giusta? Ti proponiamo qualche consiglio per prendere la misura giusta della tua circonferenza della testa.

Se non hai un metro a nastro, prendi un filo, una corda o anche un laccio e fai il giro della tua testa al livello delle sopracciglia, in orizzontale. Né alla sommità del cranio, né in diagonale. Devi in seguito misurare il perimetro ottenuto con l’aiuto di un righello.

misurare la circonferenza cranica

Attrezzati con un casco da sci omologato e impeccabile: